Windows XP è davvero al fine della corsa?

windows_logoDopo 12 anni di mercato, Windows XP detiene ancora il 30% di share tra i computer connessi al web. Sembra che nessuno voglia separarsi di quel sistema operativo così leggero e stabile che rimpiazzò il buggato ed odiato Windows Me.
Ad aprile Microsoft terminerà ufficialmente di distribuire aggiornamenti per questa versione del sistema operativo e nemmeno il supporto tecnico sarà attivo. Molti utenti si stanno, quindi, chiedendo se è il caso di effettuare un upgrade a versioni più recenti o, addirittura, di sostituire in toto l’intero computer con uno più prestante a livello hardware.

Ho deciso di scrivere quest’articolo per tutti quelli che sono indecisi sul da farsi e per far chiarezza, una volta per tutte, sui reali effetti che il mancato upgrade comporta. Iniziamo col dire che tutto l’hardware disponibile oggi possiede driver aggiornati per le ultime versioni del sistema operativo di Microsoft, ciò nonostante sono in molti i produttori che rilasciano anche i driver per Windows XP che, uniti ai driver generici disponibili in rete, non ci creano un grosso problema nella decisione di restare con WinXP.

Allo stesso modo, nel momento in cui è terminato il supporto da parte di Microsoft, il nostro computer continuerà a funzionare correttamente e in tutte le sue features originali. L’unico vero problema è l’impossibilità di effettuare gli aggiornamenti dal Windows Update. Questo comporta un rischio, in termini di sicurezza, maggiore in quanto non ci saranno correzioni per eventuali bug del sistema operativo che possano minacciare la nostra privacy.
Tuttavia il problema è relativo perchè difficilmente verranno scoperte gravi vulnerabilità adesso, è stato già scoperto quasi tutto e Microsoft ha prontamente patchato tutto (inclusa l’ultima vulnerabilità scoperta per Internet Explorer nel mese di Aprile). Prendendo in considerazione quest’idea, o convinzione, possiamo pensare di poter restare con il nostro caro e vecchio Windows e di tutelare la nostra sicurezza con la sola aggiunta di software di terze parti: un buon AntiVirus, un AntiSpyware ed un Firewall. Già con questi tre tipi di applicazioni possiamo mettere in sicurezza, sebbene non totale, il nostro sistema.

Personalmente vi sconsiglio di restare con Windows XP, il sistema operativo è obsoleto e molto limitato rispetto a Windows 7 o Windows 8, ma per tutti quelli che non vogliono o non possono effettuare l’upgrade non vi è altra soluzione. Anche io continuo ad utilizzare XP a causa di alcuni software/hardware vecchi che non funzionano sulle ultime versioni di del sistema operativo di Microsoft, ma con la consapevolezza dei rischi che questo comporta. Infatti, XP non è il mio sistema operativo primario (quello è Windows 8.1) ma è un installazione separata in una macchina virtuale isolata dalla rete. In questo modo posso lavorare tranquillamente senza preoccupazioni.

Un punto a favore dell’aggiornare è il costo competitivo che Microsoft ha imposto (circa 100 dollari). Inoltre, Windows 8 è molto leggero e la nuova interfaccia Modern UI (o Metro UI) aggiunge qualcosa di nuovo, senza rimuovere il vecchio (il desktop tradizionale). Concludo invitandovi, nel caso in cui restiate con XP, di effettuare tutti gli aggiornamenti disponibili. Questo è l’unico modo per mettere, in parte, in sicurezza il vostro sistema e per tutelarvi quel minimo necessario.

Se volete conoscere maggiori informazioni su Windows 8, date uno sguardo a quest’articolo che ho scritto un po’ di tempo fa…

Total
0
Shares
1 comment
  1. Pingback: Come estendere il supporto a Windows XP fino al 2019 | Oceweb.it
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post

4 metodi per migrare i dati da Windows XP

Next Post

Risoluzione errore “Esecuzione codice utente .NET Framework disabilitata” in SQL Server

Related Posts